mercoledì 6 marzo 2013

Il manzo saltato che girava le viti del mondo

(...) Quella sera però non riuscivo a sprofondare secondo il mio solito nel piacere della lettura. Kumiko, infatti, tardava. In genere alle sei e mezza al massimo era di ritorno, e quando pensava di far tardi, anche solo di dieci minuti, non mancava mai di chiamarmi. In queste cose era fin troppo metodica. Ma quel giorno alle sette passate non era ancora tornata, né aveva telefonato. Io avevo preparato tutto in modo da poter cenare appena lei fosse arrivata. Non era un gran menù.

In una padella cinese si facevano andare a fuoco basso bue affettato sottile, cipolle, peperoni e germogli di soia, si cospargeva di sale e pepe, e si aggiungeva un po' di olio di sesamo. All'ultimo minuto si condiva il tutto con uno spruzzo di birra, era un piatto che mi ero preparato spesso quando vivevo da solo. Il riso era cotto, il brodo di miso era caldo, la verdura era lavata e disposta in un vassoio, pronta per essere buttata in padella in qualsiasi momento.



Ma Kumiko non tornava. Avevo fame, quasi quasi ero tentato di prepararmi la mia parte e cominciare a mangiare da solo. Ma per qualche motivo quella soluzione non mi soddisfaceva, avevo la sensazione che non fosse una cosa corretta, anche se non sapevo spiegarmi il perché.
Seduto al tavolo della cucina bevvi una birra, e rosicchiai parecchi cracker stantii che trovai in fondo alla credenza. La lancetta corta della sveglia si andava avvicinando alle sette e mezza, e io me ne stavo con le mani in mano a guardarla avanzare.
In conclusione, Kumiko tornò alle nove e mezza passate. Aveva l'aria spossata. Gli occhi rossi, come iniettati di sangue. Brutto segno. Quando aveva gli occhi rossi, succedeva sempre qualcosa di brutto. «Stai calmo, - mi dissi, - cerca di non parlare a sproposito. Tranquillo, naturale, cerca di non provocarla».
-Scusami, - fece lei. - Non ce l'ho proprio fatta a finire prima. Volevo telefonarti, ma per varie ragioni non sono riuscita a trovare neanche un momento.
-Ma no, non fa niente. Non ti preoccupare, - risposi come se non ci facessi caso. E in realtà non è che fossi particolarmente seccato, era successa la stessa cosa anche a me non so quante volte. Andare a lavorare fuori casa comporta tanti problemi, non è una vita limpida e serena... non si tratta di raccogliere la rosa più bella che fiorisce in giardino, portarla alla vecchietta a letto per un'influenza due strade più in là, et voilà,
la giornata è bell'e che passata. No, succede a volte di ritrovarsi con dei buoni a nulla a fare cose assurde. Succede di non riuscire neanche a trovare un momento per telefonare a casa. Bastano trenta secondi, per comporre il numero di casa e dire «questa sera sono in ritardo». Di telefoni ce ne sono da tutte le parti. Eppure non sempre si riesce a farlo.
Mi misi a cucinare. Accesi il gas e cosparsi d'olio la padella. Kumiko tirò fuori la birra dal frigo e i bicchieri dalla credenza. Esaminò cosa io mi accingessi a preparare per cena. Poi senza dire una parola si sedette al tavolo, e si mise a bere la sua birra. (...)

Tratto da:
Murakami Haruki - L'uccello che girava le viti del mondo
Einaudi Editore - 2007



Un libro che mi ha lasciato moltissimo. Non solo questa ricetta.
Ecco la mia trasposizione della ricetta. Come essere entrata anche io un po' nel libro. Non c'è bisogno di agigungere altro. La ricetta è semplice, e Murakami scrive sicuramente meglio di me ;)


lalexa










61 commenti:

  1. Che bello questo libro:) mi hai fatto venir voglia di comprarmelo. E mi piacciono anche un sacco queste ricettine asiatiche :) Alexa lo chiedo anche a te: tu riesci a vederlo lo stesso il mio blog? perchè cambiando indirizzo non vorrei aver fatto un danno! :) un bacione grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se può farti comodo, mi intrometto per dirti che io vedo il blog L'arte in cucina, con ultimo post del 16 febbraio. (anch'io faccio pasticci col computer) :(

      Elimina
    2. Ciao Andrea! il mio è la pazza cucina di monica :) comunque penso di aver risolto:)

      Elimina
    3. E infatti ho rifatto uno dei miei soliti pasticci: comunque sei visibilissima!

      Elimina
    4. ahahah voi due ..volete un cordiale già che ci siete?riesco a vederti Monica si!ti mando un super bacio e auguri donna!un bacio anche ad Andrea:)

      Elimina
  2. Ciao Lalexa, grazie per lo stralcio del libro, interessante, prendo nota!!!
    La ricetta, mi piace parecchio, bravissima!!!
    Bacioni :))

    RispondiElimina
  3. Questa scena mi è familiare, soprattutto il punto in cui dice che anche se ci vogliono 30 secondi per fare una telefonata siamo talmente presi che non facciamo neanche quello....che cosa alienante il lavoro! :-(
    Grazie per la segnalazione di questo libro, penso che lo leggerò! Un bacio bellezza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è assurda vero?ma reale!un grande bacio Chiara e un augurio speciale a te!

      Elimina
  4. Un libro interessante e la ricetta e bellissima.Brava cara.Buona serata

    RispondiElimina
  5. Ale!!!!! Orca che affinità: ho letto quel libro e mi ha fatto scoprire Murakami (la letteratura giapponese in linea di massima mi piace, Mishima o Tanizaki... che però sono più vecchi) e i Portished li adoro!!! Ma poi vogliamo parlare di questa ricetta? Buonissima!!! In bocca al lupo per il contest, ti presenti proprio bene! Un bascio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma pensa te Patty!adoro questi scrittori stella!un bacio grande a noi allora;)

      Elimina
  6. Bello! Mi piace, anche io ho intenzione di partecipare a questo contest... ottima scelta!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Lara,bacione e buona giornata!:)

      Elimina
  7. Nooooooooooooooo nooooooooooooooooooooo Murakami noooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo!
    Io quella maledetta "stanza" di questo libro ancora me la vedo davanti... ANGOSCIA e oltretutto ANGOSCIA inutile perchè lui VANEGGIA, e mi fa sentire PAZZA come le cose che scrive....
    E non contenta di questo libro, ho insistito, e ho letto anche Kafka sulla spiaggia O_O MALEDETTO Murakami ma che sostanze stupefacenti usi?????? Non sei tu quello che ha scritto "Tokio blus Norvegian Wood" libro bellissimo ma non l puoi aver scritto tu, oppure lo hai scritto ma poi sei IMPAZZITO e nessuno se ne è accorto! Ok ora sto zitta, perchè in effetti la pazza potrei sembrare io, ma mi sa che hai capito che io ho avuto qualche problemino a leggere questo libro...
    Provo la ricetta, ma solo perchè l'hanno sperimentata le tue sante manine :D
    :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cazzarola Daniiiiiiii ma quanto ti capisco??? giuro sai angoscia pura anche per me ..mi pare di essre in un vortice sballottata di qua e di la quando leggo Murakami!sono daccordo con te...in questo libro gli ha dato di volta il cervello!fortissimo, potente,shockante:)ti voglio un grande bene

      Elimina
  8. .....a me invece piace chi vaneggia, che riesce a portarmi in un mondo altro...vado a curiosare questo contest, mi hai fatto venir voglia di partecipare...baci cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cri un bacio speciale a te!grande grande

      Elimina
  9. Ma sei bellissima Lale!! Con il pezzo del libro!! Meraviglioso! Un abbraccio tesoro, molto buono e io adoro la cucina orientale!! TVTB!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io di più Ely!;)ahahah tanto tanto bene per te grande donna!

      Elimina
  10. Quanto sei brava!!! mi piace molto questo piatto come sempre presentato benissimo!
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. patty!grazie infinite.un abbraccio pieno di affetto!

      Elimina
  11. Ma che bella questa ricetta nata dal libro Lale!!!
    Non conosco questo libro, grazie per questo stralcio..la ricetta è fantastica...la canzone pure!!!
    Baci amica! Roby

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il libro è fantastico,te lo consiglio a te che ami la lettura!ti piacerebbe ne sono certa;)bacione Roby bella!ti voglio bene

      Elimina
  12. invitante la ricetta ma anche il libro... hai suscitato la mia curiosità!

    RispondiElimina
  13. Ciao cara, buongiorno! Grazie per la ricettina e anche per il consiglio sul libro, lo aggiungo subito alla lista infinita dei libri da leggere e credimi è lunghissima :) buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bene Vale,se un giorno lo leggerai voglio sapere se ti è piaciuto!un bacione

      Elimina
  14. Buongiorno tesora, bella la realizzazione della ricetta e bello il libro... avessi voglia di leggere in questo periodo .... ho un po' mollato, non ce la faccio a fare tutto mannaggiaammmmme!!!
    un'artista, ecco, un'artista superetinica!
    baci grossisssssssimi
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cacchio come ti capisco..io tengo ancora botta ma non so per quanto;) superetinica?ahahah volevi dire superetilica?:)bacione super

      Elimina
  15. Che bello stralcio. Pensa che io sarei già stata in angoscia se chi aspettavo tardava così tanto. Ma questo é un altro discorso :)
    Che brava ad esserti immersa totalmente nel libro ed averlo trasportato nel mondo reale con questa splendida ricetta. Mi stupisci sempre cara! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io Elle ti giuro...sarei in ansia ..ma anche questo è un altro discorso;)...ti mando un affettuoso bacio amica mia!

      Elimina
  16. sono esterefatta, con te conosco autori nuovi, e oltretutto piatti del tutto sconosciuti (per me), grazie di esistere ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie dell' affetto Fra.speciale e grande sei!un bacio :)

      Elimina
  17. Tesorina passa da me c'è una sorpresina per te!
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma stella così mi fai arrossire però..grazie Vale.di cuore:)

      Elimina
  18. Che bel post tesoro!! Adesso so che voglio quel libro e so che anche tu come me, ti lasci ispirare dai libri per creare nuove ricette!!
    Un bacione grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bello no vale?interazionare con un libro..ahahah !ti stringo forte:)

      Elimina
  19. Davvero complimenti e anche il contest è veramente geniale...quante volte ci fa venire fame semplicemente leggere di qualche piatto che i protagonisti mangiano?Inoltre io adoro la cucina etnica, questo piatto non posso dire come sia di sapore ma certamente a livello estetico coglie tutta la filosofia orientale e sembra buonissimo.Complimentissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io lo trovo geniale il contest Marcella!bacione a te e a prestissimo:)

      Elimina
  20. Lale, confesso, non ho mai letto murakami ma questo stralcio me ne ha fatto venire voglia, per via di quella storia della telefonata che ci vogliono tre secondi e nonostante questo non si riesce a fare.....è vera, ma difficile da spiegare e da capire!
    Tra l'altro il piatto mi piace un sacco, e mi hai fatto anche venire voglia di partecipare al contest :)
    Baci!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Murakami è un genio Robi..se ti avvicini a lui poi non lo molli più..ti consiglio Norwegian Wood di Murakami per iniziare..uno dei libri più belli che ho letto!un bacio grandissimo e pieno di colore!

      Elimina
  21. Un'altra appassionata di letteratura e cucina giapponese!
    Non ho letto nulla di Murakami Haruki, ma da quanto hai trascritto mi piace molto.
    Sarà senz'altro il mio prossimo acquisto.
    Brava! ... e in bocca al lupo per il contest!;-)
    CIAO MARI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava Mari!non te ne pentirai vedrai,come dicevo sopra a Robi inizia magari se ti va con Norwegian Wood..libro straordinario.sappimi dire poi se lo leggi come lo hai trovato;)bacione grandissimo

      Elimina
  22. Bellissimo post e ricetta..bravissima auguri per la festa della donna un bacio Lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Lia carissima!un augurio davvero speciale e con tutto il mio affetto per te:)

      Elimina
  23. sai rendere non solo le tue ricette meravigliose e accattivanti, ma addirituutra appassionanti grazie al calore delle tue introduzioni. spledido!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena!tu splendida!si!davvero sai?un abbraccio e un augurio super donna!

      Elimina
  24. Che bella idea quella di prendere una ricetta da un libro che ci ha colpito:) anche a me piace farlo, da quando sono piccina che chiedevo a mia madre di preparare le frittelle di nonna papera!
    E insomma, le ricette col sapore orientale spesso meritano!
    A presto:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha amore!le frittelle di nonna papera ;)che mitica bacio grandissimo e un augurio di cuore per oggi!:)

      Elimina
  25. Hai un blog carinissimo! Da oggi ti seguo pure io ^_^
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara ,la cosa sarà reciproca:)

      Elimina
  26. Mi sembravano secoli che non passavo di qua...
    E guarda che sorpresa...
    Quanto mi hai fatto pensare e viaggiare con la mente neanche lo sai!
    Ti mando un bacio grande e un grazie altrettanto grande!!
    <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia stella mia !ma ciaoooo.anche io sto periodo bella incasinata!sono contenta di averti fatto viaggiare un pò con la mente!...non fa mai male.un bacio grandissimo

      Elimina
  27. Ricetta gustosissima ed un bellissimo modo per presentarla, davvero complimenti, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie bella!ti mando un bacio grandissimo:)

      Elimina
  28. anche a me è piaciuto molto questo libro, concordo che sia delirante ma scrive talmente bene che ha tutto un senso! ciao!
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grande Haruki:) hai ragione Francesca!un bacione:)

      Elimina
  29. ammazza che citazioni Murakami è la follia e l'angoscia che attirano, mi è capitato con Tokio Blues letto anni fa ancora me lo porto dietro ti entra dentro, devo leggermi questo allora. Interessante questo contest! pieno di spunti letterari e culinari, il op del binomio, a presto mony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Murakami è un pugno nello stomaco Monica ,vero?ti entra dentro in maniera sconvolgente!un bacio e grazie della visita:) a prestissimo

      Elimina