martedì 1 ottobre 2013

Ritorno con linguine al mare di Pantelleria. O si ama o si odia.

Hola bimbe!
Ebbene si... ecco lalexa.
Cavolo... mi vergognavo quasi a rientrare così dopo questo lungo silenzio. Ma la voglia e la passione per questo blog, per voi e per le mie ricette mi riporta qui. 
Sarò sincera con voi, lalexa ha passato un periodo per così dire intenso, una periodo lavorativo che mi faceva tornare a casa la sera con il solo desiderio di staccare il cervello da tutto, forse un leggero calo di stimoli in un lavoro in cui sono di fondamentale importanza. Beh... un periodo così capita a tutti. Ora, forse anche grazie alle attesissime ferie sto meglio, sono più serena, rigenerata e sognatrice... di così tanti sogni che il solo pensiero mi asfalta la strada davanti e me la rende più piacevole. Sognare non costa niente... o anche si, ma mi fa stare bene, benissimo. Ve ne parlerò un giorno.

Come vi avevo detto sono stata a Pantelleria. 
Ero stufa di sentirmi dire nei mesi precedenti da chi già ci era stato che Pantelleria o si ama o si odia, che non esistono le vie di mezzo... beh mi sembravano tutti dei fissati. 
Sono scesa dall'aereo che il buio aveva gia avvolto l'isola, la prima cosa che mi ha colpito una volta scesa dalla scalettaè stato l'odore: uva, zolfo, salsedine, roccia... un odore diverso da quello che avevo ancora nelle narici, un odore forte che mi ha trasportato e stordito fino all'arrivo al dammuso... una caramellina di roccia nera che solo la mattina dopo mi ha regalato un panorama che mi ha fatto dimenticare tutti i duri mesi precedenti.



E in quell'ora in cui in giro ci sono solo gli anziani che vanno a messa e il profumo del pane caldo io e il mago siamo saliti in sella al nostro motorino e abbiamo iniziato l'esplorazione. Che isola strana... pochi km quadrati di terra circondati da un mare a volte blu, a volte azzurro a volte verde...trasparente come una piscina. Un mare vivo e selvaggio. Una popolazione che a volte ignora il mare per sentirsi contadina ancorata alla sua terra più che alle sue barche. E allora via... un tuffo al mare e un giro tra i campi dove ci siamo intrattenuti a parlare prima con i pescatori, poi con i contadini con la schiena rotta dalla vendemmia (delle piante così basse che per vendemmiare sei praticamente sdraiato per terra), poi di nuovo al mare a cercare di pescare i ricci per la nostra cena al dammuso. Poi con la retina piena di ricci di corsa a prendere una bottiglia di zibibbo in piccole cantine da dove trasuda lavoro e passione. 
Un posto dove il turista è sì sacro... ma anche no. Dove: "Venite quando volete ma queste rocce nere sono nostre". Insomma Pantelleria o la ami o la odi. Niente di più vero. Io la amo. Il mago anche. E un pezzo del nostro cuore l'abbiamo lasciato anche là su scogli ruvidi e splendidamente inospitali.






Non potevo non fare un tributo alla cucina pantesca e a tutta l'isola. Un piatto che ho avuto la fortuna di assaggiare in un ristorantino sul mare. Così buona che assolutamente era da riproporre e da inserire nel mio ricettario. Assolutamente geniale nella sua semplicità.

Ingredienti per due persone:

  • 160 gr di linguine
  • 1 spicchio di aglio
  • olio evo
  • mezza melanzana
  • 8 gamberi rossi
  • 8 pomodori pachino
  • ricotta salata
  • prezzemolo
  • una spruzzata di zibibbo secco



Cuciniamo insieme:
Tagliate a cubetti non troppo piccoli la melanzane e tenetela mezz'oretta cosparsa di sale, dopodiché friggetela e ponetela assorbente asciugandola per bene. Mettete da parte.
In una padella mettete un filo di olio evo e lo spicchio di aglio intero quindi ponete i gamberi rossi interi, fateli soffriggere e spruzzate con lo zibibbo. Aggiungete i pomodorini e saltate per qualche minuto. Infine aggiungete le melanzane, spegnete il fuoco e aggiustate di sale se occorre. 
Cuocete le linguine quando saranno al dente scolatele e saltatele in padella con il condimento, impiattate e spolverate con una grattuggiata di ricotta salata e una manciata di prezzemolo fresco tritato. Geniali

lalexa



amore. a te.

21 commenti:

  1. ciao cara! che piacere risentirti così rigenerata!! un pò di vacanze ci vogliono:D non sono mai stata a pantelleria ma mi hai fatto venire voglia di andarci!! che ricettina squisita :D

    un bacione
    sabrina

    http://mycherrytreehouse.blogspot.it/

    RispondiElimina
  2. Bentornata! E sì i periodi così capitano, anche io prima tra giugno e luglio ho avuto una stanchezze mentale e non mi andava per nulla di curare il blog. All'inizio lo imputavo alla gravidanza, ma visto che poi a settembre la voglia mi è tornata in pieno ho capito che avevo solo necessità di staccare un pò!
    Pantelleria è bellissima, mi sembra giusto che vi abbiate lasciato un pezzetto di cuore!
    Ora però che sei tornata non farti più desiderare troppo ;)
    Tanti baci

    RispondiElimina
  3. Queste parole scorrono lisce portando alla luce tutte le tue emozioni. Ed è bellissimo leggerle. Sei mancata, ma non c'è niente di più importante che riuscire ad assecondare desideri e sensazioni. E quei sogni ti auguro di cuore si realizzino!!
    Ottimo piatto, che lascia il segno di un'esperienza indimenticabile. Sei sempre tu: anima, sensibilità e purezza. Grande!!

    RispondiElimina
  4. Io a Pantelleria non ci sono stata :-( però sono stata a Lampedusa e anche io lì ho fatto scorpacciate di pesce. Mi hai fatto venire in mente una ricetta che devo rifare postare ^_^ Ottima la tua ;-)

    RispondiElimina
  5. Bentornata cara! Pantelleria è uno dei posti dove vorrei tanto andare, amo fare le vacanze nelle isole, sono più rilassanti! Io sono stata a Lampedusa, un posto da sogno, caldo da paura ma pieno di sole e mare così belli e puri che ti fanno andare via ogni pensiero ♥
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. Bentornata, Lale!!!!!!! Non sono mai stata a Pantelleria e le tue parole ancora una volta mi confermano quanto deve essere bella!
    Bello rileggerti, un abbraccio grande :) :**

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia, che belle foto!!! Dev'essere stata davvero una bella vacanza... Sono contenta che anche tu sia tornata! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. Laleeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee, cacchio, avevo allertato Chi l'ha visto, mi sei mancata un sacco sai??? Stacca quando vuoi, quanto vuoi, vai dove ti pare ma la prossima volta avvertimi eh!!! ;)
    Bella Pantelleria, tutti quelli che conosco che ci sono andati ne sono rimasti stregati. Io per ora non la conosco, se non per i racconti che ne ho sentito e per le meravigliose immagini che ho visto.
    E per i piatti paradisiaci che vi si preparano, ovviamente!
    Questo promette bene, decisamente.
    Un abraccio lale ♥

    RispondiElimina
  9. Oooooh tesoro... bentornata!!! <3 <3 <3 Mi sei mancata un sacco, sappilo!!! Ma ti perdono e ti capisco, momenti così capitano eccome! Sono felice di rileggerti e di leggere la tua felicità! Stupenda Pantelleria, mi piacerebbe andarci :) E queste linguine? Un delirio di bontà :P Un abbraccio! :**

    RispondiElimina
  10. Ma certo, metti il coltello nella piaga di chi é già dietro la scrivania da mesi... ma brava, pubblicale tu ste foto... e queste ricettine che sanno di mare e vacanze... complimentoni!! Puahahah, bentornata Lale!!!

    RispondiElimina
  11. Caspita ma quanto sei stata via??????? Bentornata!!!!! Io (con mio sommo dispiacere!) a Pantelleria non ci sono mai stata, ma la immagino esattamente come l'hai descritta tu.... complimenti per la linguina.... snagm! (non sparire più per tutto sto tempo!)... Un bascio!

    RispondiElimina
  12. Bentornata Laleeee!!!! che bello riaverti tra noi sono felice di sapere che Pantelleria ti ha donato un periodo di serenita' e ti e' rimasta nel cuore. Queste linguine racchiudono in se tutta l' essenza dell' isola e tu l' hai riproposte alla perfezione.Un abbraccio grande cara.

    RispondiElimina
  13. A me tu mi piaci tanto :) ok non capire male.. però mi piace molto il tuo modo di scrivere, questo post di viaggio è proprio bello! Fa venire voglia di andarci.. mi piace tanto anche la ricetta e l'abbinamento con la ricotta salata.. Spero di vederti pubblicare ancora perchè le tue ricettine mancano:)
    A presto cara:*

    RispondiElimina
  14. era ora, mancavi decisamente. non sai quante volte sono passata di qui sperando di trovarti.
    dunque bentornata. che mi piaci tanto te l'ho già detto parecchie volte, ora passiamo ai fatti:
    http://www.lacucinadibettina.it/una-sorpresa-inaspettata/

    a presto
    Bettina

    RispondiElimina
  15. l'importante è tornare e con una ricetta meravigliosa!!!!
    bentornata e buona ripartenza!
    ciao
    Sara

    RispondiElimina
  16. Caspita Lale, avevo perso le speranze !!!!!!!!! Ti perdono solo perchè le tue linguine sono da favola e le foto di Pantelleria magiche.
    Ma ora non sparire di nuovo però !
    Bacioni
    Lisa

    RispondiElimina
  17. Sarà una delle mie prossime mete...ma poi voi ci siete andati a settembre vero? Chissà che bellezza!!!!

    RispondiElimina
  18. ma bello!! Anzi belle...bella l'isola, bella tu che sei riuscita a staccare e a tornare carica carica, bella la pasta :-)

    RispondiElimina
  19. Oh, eccoti qui finalmente!!!!
    Cavolo, io iniziavo a preoccuparmi eh!
    Mi fa piacere sapere che stai bene e che eri solo impegnata amica...;-)
    Pantelleria dev'essere bellissima, io ho sentito solo voci positive...e ciò che finora mi ha fatto desistere dall'andarci è che con i bambini non è molto comoda forse...niente spiagge..hai presente bambini+ sabbia+ secchiello etc etc?...è vabbè...ci andremo piùnlà! ;-)
    Ottimo piatto per il tuo ritorno Lale!...adesso però vedi di non sparire di nuovo ok?
    Bacio! Roby

    RispondiElimina
  20. Ma dove sei finita Lale? Dammi notizie, mi manchi un sacco, un bacione

    RispondiElimina
  21. Non ci sei, sono passata ma non ci sono novità. Ti aspetto....

    RispondiElimina